Il nostro viaggio lungo la California, esplorando i suoi territori desertici, le grandi metropoli e le sue coste frastagliate, baciati dal caldo sole della California.

La California è stato il nostro ultimo viaggio pre-pandemia. Un tour dello Stato del Sole durato 18 giorni durante il quale abbiamo esplorato, in lungo e in largo, le sue immense terre, così diverse le une dalle altre.

La California è uno stato davvero ricco e contraddittorio. La costa così vivace e solare, le sue montagne ricche di vegetazione e fauna ed un entroterra arido e selvaggio. Attraversando lo Stato, si nota l’enorme divario di tradizioni e stile di vita di chi abita queste terre. Un viaggio alla scoperta di usanze, storia ma anche avanguardia. La California è la sede di numerosissime aziende tecnologiche grazie alla Silicon Valley, ma anche la nazione dove moltissime lotte per i diritti civili hanno preso vita nel corso degli anni.

Come muoversi in California

Per consentirci autonomia nell’esplorazione e negli spostamenti, abbiamo optato per il noleggio auto attraverso il sito di AutoEurope.it (scegliendo poi come noleggiatore l’azienda Alamo, di cui avevamo letto ottime recensioni). Abbiamo scelto un suv compatto della Toyota, una spaziosissima Rav4, ideale per affrontare lunghi viaggi. Il suo portabagagli molto spazioso ha ospitato le nostre valigie e tutto il necessario ad affrontare lunghe percorrenze (nel deserto è indispensabile avere grosse scorte di acqua).

Avevamo necessità di un’auto comoda, vista la nostra intenzione a spostarci quasi giornalmente.

L’arrivo a Los Angeles

Arrivati all’aeroporto di Los Angeles, sbrigati i controlli del visto, ci rechiamo subito all’autonoleggio Alamo per il ritiro dell’auto. Rapidi nella registrazione, ci conducono alla nostra auto e da lì ha inizio il nostro viaggio!

Super entusiasti, la prima cosa che facciamo è pensare a dove acquistare una sim americana, così da avere subito dati per i nostri smartphone, utili a noi e indispensabili per il navigatore!

Inizia il Viaggio on the road…

Il nostro itinerario si sviluppa lungo un giro ad anello che inizia e si conclude a Los Angeles, la città degli Angeli, percorrendo 2150 km lungo le seguenti tappe:

  • Palm Spring: luogo di rifugio per star hollywoodiane. Palm Springs offre un’ottimo punto di partenza per chi intende esplorare le zone desertiche della California. Le sue meravigliose ville e le oasi di palme la rendono davvero suggestiva. Poco distante meritano una visita sia il parco eolico (immenso) che la Salvation Mountain.
  • Joshua Tree National Park: si trova a un crocevia ecologico, nel punto d’incontro tra il deserto del Mojave e il deserto del basso Colorado. Il risultato è una flora sorprendente, che comprende l’albero da cui il parco prende il suo nome (una varietà di yucca). Per accedervi occorre acquistare un Pass, valido per tutti i Parchi Nazionali degli Stati Uniti per la durata di 1 anno (ne parliamo in fondo all’articolo).
  • Tecopa: dal Joshua Tree National Park, attraversando in serata il Mojave National Preserve, raggiungiamo Tecopa, una piccolissima cittadina fatta di pochi alloggi per lo più su 4 ruote (stile roulotte americana), famosissima per le sue Tecopa Hot Springs, piscine di acqua termale molto calda. Qui potrete godere di queste acque ristoratrici sotto ad un cielo stellato, in un contesto davvero suggestivo ed autentico. Qui iniziamo a sentire l’odore del vero west!
  • Death Valley National Park: valle arida e apparentemente priva di vita, deve il suo nome ai primi bianchi che tentarono di attraversare la zona nella prima metà dell’800, in cerca di una strada più breve per raggiungere le città della corsa all’oro, dall’altra parte della Sierra Nevada. Il parco offre diversi punti panoramici dove potrete apprezzare caratteristiche conformazioni geologiche, dal punto di basso dell’emisfero occidentale alle colline erose ricoperte da un intenso mosaico di colori: rossi, gialli, neri e verdi.
  • Lone Pine & Alabama Hills: questa piccola cittadina è perfetta come base prima di raggiungere la tappa succesiva direzione Yosemite Valley. Famosa per i suoi set cinematografici a tema western, ad oggi è frequentata da numerosi appassionati di climbing e hiking. In una delle sue tavole calde abbiamo assaporato la miglior carne di tutto il viaggio!
  • Law: poco distante da Bishop, si fa un tuffo nella storia, esplorando i resti di una vecchia cittadina restaurata, nota per la sua importante stazione ferroviaria. Un tour di qualche ora è sufficiente per esplorarla per intero e toccare con mano la vita di quei tempi.
  • Mono Lake: le strane formazioni di tufo che emergono dall’acqua costituiscono la principale attrattiva del lago.
  • Yosemite Valley: per tutti gli amanti della natura e delle attività all’aperto. Noi abbiamo campeggiato in questa vallata per una notte, per poter godere del suo clima fresco, i suoi percorsi trekking e dei paesaggi mozzafiato. Zona frequentata da scalatori e amanti degli sport all’aria aperta, le attività da fare e i percorsi tra intraprendere sono numerosi. Se potete fermatevi almeno 2 notti qua.
  • San Francisco: percorrete le sue infinite strade fatte di sali scendi, visitate i quartieri più caratteristici (China Town, Japan Town, Castro, la zona dei moli – Fisherman Wharf – , il celebre Golden Gate Bridge e tantissime altre attrazioni, che fanno di questa città una meta davvero interessante e che accontenta davvero tutti i gusti. Estremamente europea, si gira tranquillamente in auto o con i mezzi pubblici, essendo molto ben servita.
Joshua Tree National Park
Yosemite Valley
Golden Gate Bridge

Trascorsi 3 giorni a San Francisco proseguiamo il nostro viaggio lungo la costa sud, esplorando le seguenti cittadine:

  • Palo Alto & Mountain View: per un technology addicted non può mancare una visita nella Silicon Valley. Una visita nelle sedi di Google o Facebook è sicuramente obbligatoria!
  • Monterey: cittadina sul mare molto caratteristica. Una lunga passeggiata sul lungo mare vi condurrà dalla periferia al piccolo molo nel centro della città, una delle attrazioni principali. Qui potrete gustare la famosa zuppa di granchio servita nella gigantesca pagnotta di pane! A Monterey si respira uno stile di vita molto tranquillo e vale sicuramente la pena una breve visita.
  • Big Sur: l‘esperienza indimenticabile di percorrere la CA-1 Hwy 🚘, la strada che collega San Francisco a Los Angeles e che costeggia la frastagliata costa californiana. Noi l’abbiamo percorsa nell’arco di due giornate, senza fretta, senza frenesia, così da goderci il panorama mozzafiato fino al tramonto. Percorretela in auto, in moto, come volete, merita davvero parte del viaggio. Il Big Sur regala scorci incantevoli di natura incontaminata (come le McWay Falls), ponti altissimi che collegano le sue scogliere a picco sul mare (come il Bixby Bridge), le foreste nell’entroterra, una fauna ricchissima, ma sopratutto concede ai suoi visitatori una sensazione di totale libertà!

Per spezzare l’itinerario, ci fermiamo una notte a San Simeon, per poi riprendere il viaggio la mattina successiva, proseguendo per queste tappe:

  • Santa Barbara: il cui stile architettonico riflette il colonialismo spagnolo, presente nelle architetture in stucco bianco e nei tetti a tegole rosse. Rinomata cittadina di villeggiatura, lungo la sua via principale troverete negozi di lusso, ristoranti e locali, dove apprezzare ottimo cibo, vini locali e musica live.
  • Los Angeles: patria del cinema e delle serie tv. Qui potrete visitare musei dedicati al cinema, la famosa Walk of Fame, musei d’arte contemporanea come il The Broad, ammirare gli studi cinematografici di Hollywood (noi abbiamo visitato gli Universal Studios ma se ce ne sono anche altri come ad esempio quelli della Warner Bros) o l’osservatorio stellare Griffith, trascorrere una giornata all’interno dei vari parchi divertimento o in totale relax su una spiaggia fronte oceano a Venice Beach o Santa Monica. Le distanze sono immense e la città offre davvero innumerevoli attrattive per tutti i gusti!
Bixby Bridge – Big Sure
Universal Studio di Hollywood
strade di Los Angeles

Dove alloggiare in California

Per questo viaggio on the road abbiamo optato per sistemazione in motel – prezzi onesti, alloggi semplici ma puliti – specie con le catene Motel 6 o Super 8. Se viaggiate in bassa stagione potete anche non prenotare con largo anticipo anzi, godetevi l’esperienza di viaggiare assecondando il vostro ritmo, senza l’ansia di partire per raggiungere la prossima sistemazione. Ce ne sono moltissimi e non è così difficile trovare posto, specie se viaggiate in pochi.

A Lone Pine e San Francisco abbiamo optato per classici hotel, preferendo zone più centrali da cui poter visitare la città anche a piedi o con mezzi pubblici.

Nella Yosemite Valley non poteva mancare l’ebrezza di dormire in tenda in un camping: all’interno del parco, gli orsi in cerca di cibo si avvicinano alle strutture. Ogni campeggio è super attrezzato per evitare di attirarli all’interno delle tende. Tranquilli, seguendo attentamente le regole esposte non avrete alcun problema! E’ un’esperienza super eccitante e più che dagli orsi, occorre difendersi dal freddo: quassù le temperature si fanno davvero rigide!

A Los Angeles, invece, ci siamo concessi una graziosa villetta con piscina, trovata su airbnb, situata in un quartiere residenziale appena fuori dal centro città. Zona ben servita e lontana dal caos. Ottima scelta per ritrovare un po’ di pace dopo una giornata trascorsa nel traffico e nella frenesia della città!

Knight Inn – Palm Springs
Historic Dow Hotel – Lone Pine
Housekeeping Camp – Yosemite Valley

Accesso ai Parchi Nazionali

Come già spiegato sopra, per accedere ai parchi nazionali è necessario munirsi di un Pass della validità di 1 anno. Il suo costo è di 80$ ad auto (fino ad un max di 4 persone), che vale sicuramente la pena se avete intenzione di visitare almeno 3 parchi, altrimenti potete pagare 25$ per ogni accesso se pensate di visitare 1 o 2.

E’ possibile acquistare il Pass al primo ingresso, vi verrà consegnata una card da conservare, oppure online attraverso il loro sito web.

La nostra Guida della California

Se vuoi una guida digitale, funzionale, pratica ed ecologica che ti aiuti a pianificare il tuo prossimo viaggio in California 👉 iscriviti alla nostra newletter per essere aggiornato sulla sua uscita.

Approfondiremo ogni tappa descrivendo le varie attrazioni con orari di apertura e costi. Illustreremo i diversi alloggi, raccontando la nostra esperienza. Vi mostreremo attraverso numerose immagini, locali, ristoranti, cibo e tutte le esperienze che abbiamo vissuto durante questo favoloso viaggio.

Manca poco all’uscita, non fartela scappare!

commenti